Posted on

SQLSERVER – Backup on mapped drive

Scenario

You ar trying to backup a sqlserver db on mapped network drive. You have already mapped the drive in Windows and you can see that drive in Windows Explorer. You are not able to see the drive which is mapped when you open the backup procedure using SqlServer Managment studio.

Solution

First of all you not need the previous mapped network drive created by Explorer. You have to create this drive using SqlServer, and you’ll not be able to see it using Exploer.

Enable xp_cmdshell

You need to execute below to enable xp_cmdshell as its disabled by default due to security reasons. (Please turn off again once you done with the work)

Using SSMS execute thesse commands :

EXEC sp_configure 'show advanced options', 1;
GO
RECONFIGURE;
GO
EXEC sp_configure 'xp_cmdshell',1
GO
RECONFIGURE
GO

After this you ‘ll have a positive reaction a this command that using SSMS you should use for testing previous operations :

EXEC XP_CMDSHELL 'Dir C:'

Map Network Drive

To map network drive you have to use the same command that you should use over Windows ysig command prompt :

'net use Z: \\networkShare\Test'

So, using SSMS you have to run the command

EXEC XP_CMDSHELL 'net use Z: \\networkShare\Test'

Now you should test this connection with the command

EXEC XP_CMDSHELL 'Dir Z:'

but, the most important goal, is tha you’ll be able to see teh drive Z during backup proceure over SSMS

Map Network Drive cmd – net use user password

The above command will work and completes successfully without asking the user to provide a username/password if the user has authorized access to this network share. If not, But the easy way is to use the “net use” command on the command prompt line explained above.

net use Z: \\networkShare\Test /u:domainname\username password

So, using SSMS you have to run the command

EXEC XP_CMDSHELL 'net use Z: \\networkShare\Test /u:domainname\username password'
Posted on

vmware workstation – unable to connect guest to my PCIe LPT port

Scenario

You are are using vmware workstation and you have mount on your computer a PCIe LPT card. You are unable to connect this LPT port to your guest vm.

Solution

Uninstall VM-Ware and to Reinstallit


Note

Posted on

VMWARE – UNABLE TO REMOUNTING NFS datastore from the ESXi

You cannot see nfs datastore on esxi. Try to do the munting, but the procedure fails saying that the datastore already exists.

To resolve this issue, remove and re-add the datastore via the command line

  1. To list the mounted datastores on the host:
    esxcli storage nfs list
  2. Make a note of the NFS datastore from step 1. Run this command to delete the NFS mount:esxcli storage nfs remove -v NFS_Datastore_Name

 


Run this command to mount the NFS datastore:

esxcli storage nfs add -H NFS_IP|NFS_HOSTNAME -s Share_mount_point_on_the_NFS -v DatastoreName

Documentation

Posted on

Bitdefender – How to test GravityZone VA

Scenario

You downloaded and installed a Bitdefender Gravityzone virtual appliance and you need to test the product but you have only a free trial license that you can you use only on cloud solution exclusively.

Solution

To register for a trial for the on premise GravityZone, please use this link: https://www.bitdefender.com/business/free-trials/ (You will need to use a different email address).
When filling out the required form, select only one of these on-premises products: Bitdefender Security for Virtualized Environments, Bitdefender GravityZone Security for Endpoints, Bitdefender GravityZone Security for Exchange, Bitdefender GravityZone Security for Mobile.

Posted on

How to fix read-only file-system on Ubuntu

When you have this error, it means that your system has by default, a line in /etc/fstab which indicates that if there is an error in the file system, that it should go into read-only mode, to prevent further corruption or dataloss.

You could use lsblk to determine the partition name.

Use the command

sudo fsck -f /dev/sdxx

where “sdxx” is the partition of the hard drive that Linux resides on

Posted on

Migrare cassette postali IMAP a Microsoft 365 – Office 365 – Exchange online

Di seguito i passi necessari in sequenza per migrare un dominio IMAP su Exchange Online.

  1. Aggiungere il dominio al tenant Microsoft 365. Non dovete completare la configurazione del mail server.
  2. Aggiungere gli utenti di dominio a Microsoft 365. Ogni utente deve avere una licenza Microsoft 365 Business Basic, Standard o Premium
  3. Preparare il file csv per la migrazione, separato da virgola. Nella prima riga mettere EmailAddress,UserName,Password. Nelle righe successive i dati : “EmailAddress è l’account Microsoft, “UserName” è l’account del server imap e “Password” è la password del server imap

esempio di csv

EmailAddress,UserName,Password
terrya@contoso.edu,contoso\terry.adams,1091990
annb@contoso.edu,contoso\ann.beebe,2111991
paulc@contoso.edu,contoso\paul.cannon,3281986
  1. Entrare come amministratore in Microsoft 365 e andare nell’interfaccia di amministrazione di Exchange. (nb. questa guida riguarda l’interfaccia di amministrazione “classica” di Exchange. Selezionare “destinatari” a sinistra; selezionare “migrazione” in alto.
  2. A centro pagina c’è un pulsante con tre punti : …. Selezionandolo si inserisce l’endpoint cioè il server sorgente Imap. Nella finestra successiva aggiungere il nuovo endpoint (IMAP).
  3. Creare una nuova migrazione. lanciare la migrazione
  4. una volta terminata la migrazione, nel tenant, potete finire la configurazione del dominio per quello che riguarda il server di posta, seguendo le istruzioni sul tenant e modificando i vostri dns

Le Regole della migrazione

Si possono mettere tutti gli utenti in una migrazione. Quando una migrazione termina con errori, si può eliminare un utente dalla stessa ed inserire lo stesso utente in un altra migrazione. Si possono avere più migrazioni contemporaneamente ma non può esistere lo stesso utente in più di una migrazione. La migrazione può esistere per un massimo di 60 giorni.

Non è una migrazione

In realtà Microsoft fa una operazione più sofisticata di una “banale” migrazione : fa una sincronizzazione. Sincronizza l’intera cassetta postale imap sulla cassetta Exchange in una direzione (da imap ad exchange). E’ sofisticato ma meno efficace di una normale migrazione : la sincronizzazione non è in tempo reale ma dopo 24/30 ore. Quindi volendo sostituire il mail server gli utenti perderebbero almeno 24 ore di email.

Configurazione di outlook

Sui client Outlook potete aggiungere il nuovo account di Exchange online. Sarà uguale alla cassetta postale precedente, ma sarà gestita da Exchange. Per un certo periodo avrete quindi 2 cassette postali che gestiscono la stessa posta ma su server diversi: uno è il vecchio server imap , l’altro il nuovo server Exchange. Quando la migrazione sarà terminata e avrete spostato anche i record mx sul dns, potete cancellare la vecchia cassetta postale. Prima di farlo però dovete spostare anche i contatti ed il calendario dalla “vecchia” alla “nuova” :

Contatti : selezionate tutti i contatti, tasto destro, selezionate “sposta” e quindi “copia nella cartella…”, contatti della cassetta di Exchange.

Calendario : Per spostare gli appuntamenti tra i 2 calendari : visualizzate entrambi i calendari e trascinate gli appuntamenti dal vecchio al nuovo.

Problemi nella migrazione

Se avete problemi di sincronizzazione potete indagare usando PowerShell. Prima di tutto installare ExchangeOnlineManagement. 

Connettersi al tenant :

Connect-ExchangeOnline -UserPrincipalName <your Admin Username>

Compare la schermata di richiesta password.

Lista di tutti gli endpoint nel tenant

get-migrationendpoint|FL

Test dell’endpoint

Test-MigrationServerAvailability -Endpoint <Identity of the endpoint from above>

Vedere le impostazioni della migrazione di un utente

Get-SyncRequest -Mailbox  <user>

Esportare il dettaglio di una migrazione :

Get-MigrationUserStatistics <user> -IncludeSkippedItems -IncludeReport 
-DiagnosticInfo "showtimeslots, showtimeline, 
verbose" | Export-Clixml C:\temp\MigMyUser.xml

Le cassette postali Exchange hanno un limite di 35MB. Se durante la migrazione dovete spostare qualcosa di più grande dovete cambiare questo limite.

Set-Mailbox -Identity <user> -MaxReceiveSize 150MB

Documentazione :

Posted on

wordpress error on qtranslate switching from php 5 to php 7

Switching from php 5 to php 7, you will get this error on the qtranslate X plugin

Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in /public_html/wp-content/plugins/qtranslate-x/qtranslate_frontend.php on line 497

Warning: Parameter 2 to qtranxf_postsFilter() expected to be a reference, value given in /public_html/wp-includes/class-wp-hook.php on line 286

Solution

Using ftp open the file qtranslate-x/qtranslate_frontend.php. you need to make 3 substitutions :

  • In line 497 change
continue;

to

break;
  • In line 523 change
function qtranxf_postsFilter($posts,&$query) {//WP_Query

to

function qtranxf_postsFilter($posts,$query) {//WP_Query
  • in line 597 change
function qtranxf_excludeUntranslatedPosts($where,&$query) {//WP_Query

to

function qtranxf_excludeUntranslatedPosts($where,$query) {//WP_Query
Posted on

Velocità di un backup remoto

Per costruire un ambiente di backup si consiglia in letteratura di seguire la regola 3-2-1.

  • Fare 3 backup
  • Fare 2 backup su supporti diversi
  • Fare 1 backup in un altra sede rispetto ai dati di origine

Per eseguire la terza disposizione molto spesso pensiamo al Cloud; è un ottima soluzione ma i costi sono ancora abbastanza alti se parliamo di TB. Se invece dobbiamo salvare dei GB la soluzione è appetibile.

Per aziende che devono spostare TB di dati una soluzione può essere il backup in una sede remota, per esempio collegata con una vpn. I costi di salvataggio del dato saranno quindi assorbiti dai costi di acquisto di una unità NAS abbastanza capiente.

Cerchiamo di dettagliare una soluzione del genere.

Velocità del backup in vpn

La velocità del backup sarà determinata dalla velocita della connessione ad internet più lenta fra le 2 sedi. Supponiamo che le 2 sedi riescano a comunicare alla velocità di 300 Mb/s.

300 Mb/s = 300.000.000 b/s

300.000.000 b/s / 8 = 37.500.000 B/s = 37,5 MB/s

Per spostare 1GB di dati in una rete a 300 Mb/s impiegheremo 1.000 / 37,5 = 26,7 secondi

Per spostare 1GB di dati in una rete a 100 Mb/s impiegheremo 1.000 / 12,5 = 80 secondi

I software di backup hanno tutti la capacità di eseguire backup incrementali ma il primo backup che viene eseguito sarà, per forza di cose, molto lungo. Quindi va pianificato con attenzione.

Se vogliamo spostare una macchina virtuale da 20GB attraverso una rete a 300 Mb/s, impiegheremo circa 27 minuti. Impiegheremo 2 ore e 15 minuti per una macchina virtuale da 1TB.  I backup incrementali dei vari software presenti sul mercato, in condizioni “normali” di attività del server, consentono di arrivare per i backup successivi a tempi che equivalgono al 20% del primo backup.

Scelta del NAS di Backup

I dati della sede di origine vengono archiviati su Nas nella sede di destinazione. E’ chiaro che la scelta di un NAS dotato di una scheda ethernet a 10Gb/S non migliora un backup remoto di questo tipo visto che la velocita di trasferimento della vpn è minore di 1Gb/s.

I dischi del NAS potrebbero ulteriormente diminuire la velocità di copia ? Per rispondere diamo uno sguardo ad una tabella che cerca di dare un valore alle velocità di scrittura dei vari sistemi di dischi. Abbiamo prelevato i dati dal sito wikipedia per poi elaborarli.

Drive

(Type / RPM )

MB/s

(64KB block, random)

MB/s

(512KB block, random)

MB/s random

average

MB/s

(large block, sequential)

MB/s sequenzial

average

FC / 15 K 9.7 – 10.8 49.7 – 63.1 33,3 73.5 – 127.5 100,5
SAS / 15 K 11.2 – 12.3 58.9 – 68.9 37,8 91.5 – 126.3 108,9
FC / 10 K 8.3 – 9.2 40.9 – 53.1 27,9 58.1 – 107.2 82,65
SAS / 10 K 8.3 – 9.2 40.9 – 53.1 27,9 58.1 – 107.2 82,65
SAS/SATA / 7200 4.4 – 4.9 24.3 – 32.1 16,4 43.4 – 97.8 70,6
SATA / 5400 3.5 22.6 13,05 47,1 (estimate)
SSD 520 520

Normalmente i software di backup scrivono i dischi in maniera sequenziale, quindi, numeri alla mano, anche un hard disk sata 5400 potrebbe essere utile nel nostro scenario. Acquistare invece hard disk superiori ai 7200 rpm non porterebbe ad un miglioramento.