Posted on

appunti sui software per videoconferenze

La Ricerca

La nostra azienda è da sempre un partner Microsoft così abbiamo sempre usato Microsoft Teams per le videoconferenze, aiutando anche i nostri clienti. In questi giorni in cui tutti hanno necessità di lavorare in smart-working abbiamo cercato di capire quali siano i software presenti sul mercato. Abbiamo fatto qualche ricerca su internet e questo documento vuole essere una sorta di bacheca per prendere nota di quello che abbiamo capito e di quello che capiremo in futuro, se avremo la possibilità di provarli tutti.

Nella nostra ricerca su Internet ci siamo accorti che c’è molta confusione nelle informazioni su questi strumenti. Tutte le aziende più importanti propongono sia dei piani gratuiti, sia dei piani a pagamento ma il confine sulle funzionalità presenti nelle 2 proposte non sembra così definito : forse questo quadro un po nebuloso è voluto, così da  veicolare la maggior parte degli utenti verso i piani a pagamento. I piani a pagamento sono sicuramente necessari per alcune organizzazioni.

La ricerca è ancora più difficoltosa perché tutti i maggiori vendor, negli anni, hanno proposto nuovi prodotti per la videoconferenza, molto spesso semplicemente cambiando nome al precedente o sostituendolo in maniera progressiva con ampi periodi di coesistenza. Su internet, in cui la documentazione non viene mai cancellata, è difficile capire se l’informazione riguarda un prodotto presente “ora” sul mercato oppure solo qualche mese fa.

Fatte queste premesse, crediamo che, per avere un quadro chiaro dei prodotti, dovremo prima o poi provarli tutti e aggiornare questi appunti.

Se avete qualche informazione utile a questa analisi oppure dei dubbi non esitate a scrivere a info@mecdata.it

WhatsApp

Consente la videoconferenza fino a 4 persone. L’abbiamo usato tutti per salutare amici o parenti.

Google Duo.

vai a

Prodotto gratuito. Permette la connessione di massimo 8 utenti. Ogni utente deve avere un account Google ma tutte le persone che hanno uno smartphone android hanno già un account Google. Si utilizza attraverso Chrome (via browser quindi).

Google Hangouts Chat

vai a 

Prodotto gratuito. Non è chiaro quale sia il limite di connessione video : 10 o 25 utenti. Come per tutti i prodotti Google, ogni utente deve avere un account Google per poter essere utilizzato e si utilizza attraverso il browser.  Esiste una versione a pagamento (Meet) che consente un numero maggiore di connessioni.

Google Hangouts Meet.

Bisogna comprare la G Suit che è il prodotto online concorrenziale a Office di Microsoft. La configurazione iniziale non è banale e va eseguita da un sistemista, un’azienda come la nostra. La G Suit Basic adesso è scontata e costa 46 euro/mese/utente IVA esclusa (prezzi Gsuit)

Skype

vai a

Prodotto Microsoft. La versione gratuita scaricabile da internet, consente 10 utenti connessi. E’ necessario creare un proprio account skype usando la propria email.
La versione business sta venendo soppiantata da Microsoft Teams.

Microsoft Teams

Richiede l’acquisto di Office e la configurazione iniziale di un sistemista. La versione base normale di Office aziendale (Business) 105 euro/anno (iva eslusa) non la include. Per chi ha questa versione bisogna passare alla versione successiva (Business Premium) aggiungendo 21 euro/anno. Per chi non ha Office e non gli interessa averlo bisogna acquistare la versione Essential al costo di 51 euro/anno. E’ il prodotto concorrenziale alla Gsuit: oltre a Teams avrete tutti i pacchetti Microsoft Office utilizzabili online. (vedi documentazione)
Secondo la documentazione Microsoft chi ha skype (gratuito) non può partecipare ad una riunione Teams.

Sembra però che sia possibile partecipare ad una riunione Teams (creata da un account Office a pagamento) semplicemente passando da un browser senza avere Office. (No Teams? No Problem! Here’s How to join meetings as a guest in Teams)

Per una facile comprensione delle caratteristiche base di Teams vi segnaliamo questo video : https://youtu.be/zS5cPQ-HKZo

Zoom

vai a

E’ sicuramente il prodotto che popone una documentazione molto chiara. E’ gratuito con connessioni fino a 100 utenti ma con un limite sulla videoconferenza di 40 minuti. E’ necessario creare un account e scaricare il programma.

 

Posted on

Foto – Immagini in un unico pdf

Se avete delle foto, immagini e le volete mettere all’interno di un unico file in formato pdf potete utilizzare un utile strumento online PDFCANDY

Una volta nel sito cliccate su “Merge PDF”

Cliccate sul pulsante “ADD Files”

Selezionate i vostri file. Compariranno nella pagina successiva.

Per ognuna delle immagini è presente un numero che indica la pagina in cui saranno messi nel pdf finale. Potete spostare le immagini tra loro, cambiando la sequenza, semplicemente selezionando l’immagine e trascinandola dove volete.

Potete aggiungere anche alte immagini.

Quando avete tutto cliccate su Merge Files.

Nella pagina successiva cliccate su “Download File” e avrete il vostro file pdf contenente le immagini.

Posted on

Blocco di Esplora File

File Explorer, il programma che usate per vedere cartelle e file si blocca. Tutto il computer sembra bloccato.

SOLUZIONE

In ricerca digitate CMD, vi compare l’icona del prompt del DOS. Andadeti sopra, tasto destro del mouse Esegui come Amministratore.

Scrivete quest sequenza di comandi

  1. Scrivete netsh  e premete Enter.
  2. Scrivete winsock e premete Enter.
  3. Scrivete reset e premete Enter.
Posted on

Cartella posta in arrivo predefinita su Outlook

SCENARIO

avete impostato su Outlook il vostro account di posta elettronica pippo@miosito.it. Decidete di comprare un nuovo account di posta elettronica, paperino@miosito.it che diventerà prioritario nel vostro lavoro rispetto al precedente. Avete configurato il nuovo indirizzo di posta in Outlook avendo l’accortezza di impostarlo come “predefinito”.

PROBLEMA

Quello che avete fatto è corretto, ma nonostante questo, quando Outlook si apre si posiziona sempre sulla posta in arrivo del vecchia cassetta postale (pippo@miosio,it)

SOLUZIONE

  • In Outlook : File (in alto a sinistra)
  • Compare un menu a sinistra. Spingere “Opzioni” (in basso)
  • Compare una nuova finestra : selezionare “Avanzate” nel menu a sinistra.
  • Sulla destra una delle prime opzioni in alto è : “Avvio e chiusura di Outlook”
  • Qui avete un tasto “Sfoglia£ che vi permette di selezionare la cartella di posta in arrivo che deve essere selezionata a default quando Outlook parte

 

Posted on

Teams Vs Coronavirus

Microsoft Teams

Ricordiamo ai nostri clienti (e altri) che molto probabilmente nel vostro abbonamento office 365 è incluso Teams, strumento per poter fare riunioni a distanza, proprio come Skype. Contattateci per una verifica o per recuperare username e password.

 

Smartworking / Telelavoro

In questa situazione difficile, proviamo a spostare qualche attività in remoto.

Possiamo attivare una vpn per farvi accedere alla rete aziendale.

Possiamo trasferire database, server applicativi e gestionali su un’infrastruttura Cloud.

Possiamo offrire piattaforme di condivisione di file.

Possiamo attivare le migliori soluzioni di backup in cloud per non rischiare di perdere nessun dato.

 


Tel: 051.790428 – email : info@mecdata.it

Posted on

Sicurezza del computer

L’antivirus non fornisce sicurezza

Se avete montato un antivirus sul vostro computer non siete al sicuro.La minaccia dei virus non si combatte solo con l’antivirus. L’antivirus, semplificando, è un contenitore di tutti i virus scoperti nel mondo fino ad oggi; l’antivirus controlla i vostri file confrontandoli con il suo contenitore : quando vede che il file corrisponde ad uno di quelli immagazzinati vi segnala e blocca la minaccia.

E’ quindi chiaro che l’antivirus è efficace solo se trova un virus che era già stato segnalato da qualcun altro nel mondo. Non può fare niente per le nuove scoperte.

Ci sono inoltre dei virus che non si manifestano come tali se non dopo che l’utente, Voi, li avete attivati. Sono tutti quei virus che vi arrivano come allegati nelle email e che passano quindi la scansione dell’antivirus. Quando ci cliccate sopra, state lanciando un programma: il computer non può autonomamente decidere che quel programma, lanciato da voi, sia un programma malevolo; siete voi che comandate e quindi siete voi che infettate.

Consigli per una buona protezione del computer

  • Usate un servizio di email dotato di un sistema antispam e antivirus efficace. Diminuirà il numero di file che arrivano.
  • Pensate. Leggete la email, non cliccate sui link senza sapere cosa state facendo. Passate con il mouse sopra il link senza spingerlo : vedrete l’indirizzo al quale si collega e se l’indirizzo non centra niente con il soggetto che vi ha mandato la email… è un virus
  • Pensate. Leggete bene i pulsanti nei siti in cui navigate, non rispondete sempre “si” o “consento” senza aver riflettuto.
  • Usate Office 365. La maggior parte dei virus opera dentro i file di Word, Excel che vi mandano. Office 365 con le impostazioni di sicurezza attivate rende i virus non eseguibili.
  • Backup : fate un backup periodico dei vostri dati su un supporto vicino a voi (chiavette usb, un altro computer, sistemi nas)
  • Backup su Cloud : fate un backup periodico in un posto “lontano” dal vostro computer: il cloud è in questo caso, uno spazio su internet in cui memorizzare i vostri dati

Come vedete, tra i consigli, non abbiamo citato l’antivirus….. ma male non può certo fare.

Ricorda che :

L’UNICO ANTIVIRUS EFFICACE SEI “TU

E noi ti possiamo aiutare. Contataci alla 051-790428 o alla email info@mecdata.it. Metteremo al sicuro i tuoi dati

  • Usa il nostro sistema email, velocissimo, sicuro e sempre disponibile e aggiornato su ognuno dei tuoi dispositivi.
  • Affidati a noi per la gestione della tua licenza di Office 365.
  • Affidati a noi per la costruzione del nostro economico sistema di backup in locale ed in Cloud
  • Permettici di insegnarti ad usare al meglio e in maniera più consapevole il tuo computer.