Posted on

Ghetto backup for all (part 1)

Why to use Ghetto ?

There are a lot of backup softwares for vmware virtual machine and some are free, but in a scenario it should not be possible to use one of these : for example, if you have vmware esx hosts with old versions (4.0,5.5).

Prepare connection to esx host  via SSH

Usually you get connection to esx host using vsphere client, but you have to use ghetto script directly inside esx operating system. So you need to operate using a prompt via ssh. Download, for example, putty : https://www.putty.org/

Install putty.

SSH port in esx host is number 22. To understand if this port is open, you could open a dos prompt and type

telnet your_esx_ip_address 22

you should recive some response.

Enable SSH on the ESX Host

By default SSH is disabled on an ESXi host.

  1. Open and login to the vSphere Client
  2. Click on the configuration tab and then on Security profile
  3. Click on Properties and Remote Tech Support (SSH)
  4. Click on Options and choose the startup policy.

ESX user for SSH

To connect to esx host via putty you need to create a user on esx. Open vsphere client.

  1. Log in to the vSphere Client as a root user.
  2. Click Users & Groups.
  3. Right-click on a blank area and click Add.
  4. Enter a username and password. Confirm your password.
  5. Select Grant shell access to this user.
  6. Select root group from the dropdown and click Add > OK.

 

How to upload script on esx

Ghetto script is a file and you will have to upload on esx server this file. To do this task we”l use for example WinSCP that is a free and open-source file transfer utility for Windows. It can be used to transfer files between a local and remote machine over SSH. You can download it from here : https://winscp.net/eng/download.php

Install it. Now you have all tools and we can start to work on Ghetto.

Ghetto script

First of all you need to download ghetto from github repository : https://github.com/lamw/ghettoVCB   

Unzip it. Open with an editor the file ghettoVCB.sh. You have to update only one line of script :

VM_BACKUP_VOLUME=/vmfs/volumes/mini-local-datastore-hdd/backups

That you have to substitute with the path of the datastore where you’ll save the backup of vm.

Two options to find the datastore path :

  1. Via vsphere client : you have to find the list of datastores. Using datastore’s name the path will be : /vmfs/volumes/DATASTORENAME
  2. Usng Putty connection : go in vmfs folder, volumes folder.

Prepare virtual machine list

If you ‘ll call ghetto script , you’ll backup all machines in your esx. Instead you can backup only some specific virtual machine. Create a new file, for example mylist.txt with the esactly name of each virtual machine to backup, in each line.

Upload Files to Esx

So you have two files (ghettoVCB.sh, mylist.txt) to upload in esx environment. To do this you can use WinSCP. When the Login dialog pops up click on New Site, enter the IP address in the hostname field, the username and password and then click Login.

WinSCP window is divided in two part : on the left side there is your computer, on the right side there is the esx environment. On esx, create a new folder and upload in it the two files.

Prepare ghetto script to execute

Double click on the PuTTY shortcut , enter the IP address of the ESX  and click Open. Enter the username and your password and you should now be connected.

To continue you need to have administrator (root) priviliges. Write

su -

and enter the password of root user.

Now you need to give execution privileges to .sh file. Navigate in the folder where you have put your files and write the command

chmod +x ghettoVCB.sh

Run the script

Write the command :

./ghettoVCB.sh -f mylist.txt -l output.txt

This command will backup all the virtual machines written in mylist.txt and will write the log of process in the file output.txt in the same folder.

Posted on

prerequisites to install veeam backup and replication

To install Veem Backup and Replication on Windows 2012 server, you need :

  1. Sql server 2014 Exprees
  2. Net Framework 3.5 (install it directly from your windows server). Necessary for Sql server Managment Studio 2014
  3. Sql server managment studio 2014
  4. From Microsoft® SQL Server® 2014 Feature Pack (https://www.microsoft.com/en-us/download/details.aspx?id=42295), you have to download and install
    1. SQLSysClrTypes.msi
    2. SharedManagementObjects.msi
  5. MICROSOFT® REPORT VIEWER 2015 RUNTIME
  6. Windows 10 Universal C Runtime

 

Posted on

vmware accreditation in new vmware partner portal

I had some problems finding the VSP and VTSP courses to get fresh as a vmware partner in the new Partner Connect portal. So i decided to write few sentences about this.

STEPS

  1. login to partner connect
  2. click on the “Training” tab and then click “Partner University”
  3. On the left side menu of webpage click on “Accreditation”
  4. Drop down the webpage there you will find the VSP foundation course and next to that ethics and compliance training also available.

refer the screenshot

Posted on

Virtualizzazione for dummies

Quando accendete il vostro computer vi trovate in genere di fronte a Windows. Windows è il programma principale del computer, senza il quale il computer sarebbe una scatola vuota. Viene chiamato Sistema Operativo. Dentro a Windows avete decine di altri programmi che usate quotidianamente.

L’hardware del vostro computer (l’hard disk, la ram, il processore, etc) sono stati costruiti per ospitare un solo sistema operativo. In pratica è come comprare un motorino che quindi può trasportare solo voi. Il motorino è il computer …. voi rappresentate windows.

I SERVER ieri

I server sono grossi computer, molto potenti. Fino a qualche anno fa venivano venduti anche’essi con un sistema operativo, di solito Windows Server o Linux Server. I server eseguono diverse applicazioni molto importanti , rendendole fruibili ai client cioè ai vostri computer. Per esempio, i server ospitano i siti internet a cui vi collegate; dentro ogni server ci sono migliaia di siti internet diversi a cui si collegano milioni di utenti (Voi). Oppure ospitano tutti i file di una azienda : i file della produzione, della progettazione, della amministrazione : tutti i vari reparti aziendali trovano nel server il materiale con cui lavorare.

Per una azienda quindi il server è il computer più importante: se si rompe questo non lavora più nessuno fintanto che non viene riparato. Se si rompe un server che ospita siti internet, tutti i siti saranno irraggiungibili.

Per ovviare a queste problematiche si è pensato di dividere il carico di lavoro dei server : ogni server ospita un solo sito internet; esiste un server per i files del reparto amministrazione e un server per la progettazione, etc. Se si rompe un server, solo il servizio che stava dando verrà a mancare: le altre funzioni risultano attive sugli altri server.

Per ottenere tutto ciò ci è venuto in aiuto un miglioramento delle tecnologie hardware e il concetto di virtualizzazione.

I SERVER oggi e la VIRTUALIZZAZIONE

Oggi i server sono computer ancora più potenti rispetto al passato ed alle risorse richieste dalle applicazioni moderne. I server oggi vengono venduti senza sistema operativo : per continuare nel nostro parallelismo è come comprare un camion vuoto.

I server sono così potenti che possono tenere al loro interno decine di sistemi operativi diversi cioè di macchine che fanno azioni diverse: ognuna di queste macchine viene chiamata “macchina virtuale”. Si realizza così una netta separazione tra ambienti : ogni macchina svolge una sola funzione ben definita e “mancando” la macchina viene meno una sola funzione.

I problemi arrivano solo se …. si rompe il camion, ma anche qui ci sono delle tecniche per mitigare i disagi.

Posted on

apple id: Cannot Reset Security Questions We don’t have sufficient information to reset your security questions

Scenario: You want to activate 2-factor authentication on your apple id. The system fails and apple support tells you that you have forgotten your security questions. Support suggests you to access https://iforgot.apple.com/ to restore them but when trying to do it the error appears: “Cannot Reset Security Questions We don’t have sufficient information to reset your security questions”

Solution

Usually security questions are requested by the apple device in pairs. There are 5 possible questions and perhaps you are sure of the answer of at least one. Go to https://appleid.apple.com/ and when asked about security questions, choose that you have forgotten them. Now there will be the option to choose a single security question; choose the one you are sure of, answer and update the new security questions.

This procedure was reported to us by the apple support: do not do it if you are not in the same situation

Posted on

Problemi delle caselle email molto grandi

La posta elettronica è cambiata molto negli anni: da semplice mezzo di comunicazione è diventato il nostro “contenitore” preferito di informazioni. Conserviamo tutto nella nostra cassetta postale: comunicazioni, contratti ordini, fatture, etc. Queste informazioni devono sempre essere accessibili ovunque noi siamo: non possiamo più vederle solo dalla nostra postazione di lavoro ma anche attraverso il nostro smartphone.

Le aziende e gli utenti chiedono ai Provider caselle email di dimensioni sempre maggiori. In azienda l’email è e rimane il principale mezzo sia di comunicazione ma, oggi, anche il principale strumento per archiviare i file. Conserviamo tutte le email che riceviamo con allegati di qualsiasi dimensione; conserviamo anche tutte le email che inviamo anche se contengono allegati che abbiamo prelevato dal nostro stesso computer.

Il motivo è che inviare un file via email è semplice, veloce e comodo, inoltre quel file rimarrà per sempre nella casella dell’utente, che così potrà averlo sempre a portata di mano. Sarebbe stato meglio spostare il file su un server di rete o utilizzare in azienda servizi di cloud storage , ma l’email rimane il metodo più immediato.

L’altro motivo per cui le email crescono sempre è che gli utenti non sentono il bisogno di fare spazio nella propria casella email, magari cancellando i messaggi che non servono più o semplicemente svuotando il cestino.

Ma quali sono i problemi di una caselle email di grandi dimensioni?

Il primo sono i tempi di avvio del proprio programma per leggere le email, ad esempio Microsoft Outlook diventa sempre più lento man mano che la caselle email diventa più grande.

Un altro problema è che non tutti i fornitori di web e email hosting forniscono caselle email di grandi dimensioni, molti non vanno oltre pochi GB di spazio per casella email.

Inoltre una casella email di grandi dimensioni diventa onerosa da gestire anche lato server il che la rende lenta nell’accesso e nelle ricerche.

Quali sono invece i limiti di dimensione che una casella email può raggiungere?

La documentazione ufficiale di Microsoft Outlook dichiara che le prestazioni di Outlook iniziano a peggiorare non appena il file di archivio delle email OST supera i 10GB. Superato i 25GB i problemi di lentezza e blocchi di Outlook aumentano.

Arrivati a 50GB Outlook smette di funzionare in quanto questa è la dimensione massima che può raggiungere un file PST, ed è necessario eseguire delle operazioni di manutenzione, con conseguente fermo del lavoro dell’utente.

Lato server, ovvero per il fornitore del servizio di email hosting, non ci sono limiti veri e propri di dimensione ad una casella email, ma potrebbero esserci dei problemi nell’indicizzazione e nell’archiviazione di caselle email molto grandi.

il nostro servizio di gestione email

Mecdata in collaborazione con il partner Qboxmail offre un servizio di gestione email professionale:

  • Casette postali di diverse dimensioni/costi per rispondere a qualsiasi esigenza : 4GB, 8GB, 25GB, 50GB
  • Cassetta postale sempre aggiornata e uguale in ogni istante su ogni vostro dispositivo : computer, notebook, tablet, smartphone
  • Webmail, sviluppata ed ottimizzata per gestire caselle di grandi dimensioni

Sei interessato ? CHIAMACI ALLO 051.790428 OPPURE SCRIVI A info@mecdata.it

Posted on

Guida Chromium Kiosk

In questa guida andremo a illustrare i passaggi per creare un chiosco multimediale sfruttando Chromium e un Raspberry Pi 3.

interfaccia di rete

Innanzitutto, per facilitare le connessioni ssh da remoto, andremo ad impostare un IP statico al nostro Raspberry. Apriamo quindi un terminale e digitiamo il seguente comando:

sudo nano /etc/dhcpcd.conf

ora, cercare all’interno del file i seguenti campi:

interface eth0
static ip_address=192.168.0.4/24
static routers=192.168.0.1
static domain_name_servers=192.168.0.1

e per ognuno di essi, andremo ad impostare i nostri valori. Riavviamo il Raspberry e procediamo con la creazione dello script per il Kiosk.

chiosco multimediale

Andiamo dentro al disco del Raspberry, e all’interno del nostro profilo, creare la cartella Scripts, dentro la quale metteremo tutti i componenti necessari per costruire ed eseguire il nostro chiosco.

Partiamo col creare il nostro file Kiosk.sh, inizialmente vuoto.

(Da terminale o da sessione ssh, per creare la cartella ci basta inserire il comando: mkdir “nome della cartella”, senza apici, ne singoli ne doppi. Per creare e scrivere il file Kiosk.sh ci basta digitare: nano “nome file”, sempre senza apici, ne singoli ne doppi.)

All’ interno del nostro file Kiosk.sh, inseriamo il seguente comando:

xargs -rd’n’ /usr/bin/chromium-browser –no-sandbox –noerrdialogs –disable-infobars –kiosk < /home/mecdata/Scripts/pagine.txt

Andiamo ora ad analizzare la struttura di tale comando:

“xargs”: rappresenta il comando di Debian per poter sfruttare argomenti passati come input per poter essere eseguiti da un comando all’ interno dello script.

“-rd’\n’”: rappresenta il tipo di limitatore di riga che viene considerato, in questo caso il valore rappresenta un “a capo”.

“/usr/bin/chromium-browser”: rappresenta il comando che invoca il lancio di Chromium.

“–no-sandbox”: istruzione necessaria per poter lanciare Chromium come root di sistema.

“–noerrdialogs”: impedisce a Chromium di mostrare alcun messaggio/popup/schermata di errore.

“—disable-inforbars”: disabilita le barre delle info.

“–kiosk”: serve, in pratica, per eseguire chromium a schermo intero.

< “/percorso/dello/script.sh”: rappresenta il percorso del file dal quale raccogliere i valori da sfruttare come parametri.

avvio e stop da remoto

Per poter permettere allo script di essere lanciato da remoto e in modo più facile anche da locale, andremo a creare uno script nominato “Start.sh”. All’ interno di questo script, inseriamo i comandi necessari per poter eseguire lo script Kiosk.

#/bin/bash
export DISPLAY=:0
sh /home/mecdata/Scripts/kiosk.sh

“/bin/bash”: dice alla shell quale programma usare per interpretare lo script quando eseguito.

“export DISPLAY=:0”: setta la variabile d’ambiente $DISPLAY con il valore specificato, questo caso 0.

“sh /home/mecdata/Scripts/kiosk.sh”: comando che si occupa di invocare ed eseguire lo script kiosk.sh precedentemente creato.

Allo stesso modo, andremo a creare lo script “Stop.sh”, ed è estremamente semplice.

Il comando da inserire è: “pkill -o chromium”

Questo comando termina completamente ogni processo con la parola chromium al suo interno, terminando correttamente il nostro chiosco.

(per lanciare da ssh remoto il nostro script start.sh, ci serve un comando aggiuntivo: “screen”. In questo caso, lo scopo del comando screen, associato ai parametri “-d” e “-m”, previene la visualizzazione dello schermo del server, in questo caso il nostro Raspberry, sul client e permette l’esecuzione dello script sullo stesso. Quindi la sintassi finale del comando sarà: screen -d -m ./start.sh)

tab multiple

Per permettere la visualizzazione di tutte le tab che useremo nel nostro chiosco, andiamo ad installare un estensione che ci permetterà di navigare automaticamente fra le nostre pagine.

Apriamo questo link  e installiamo l’estensione: https://chrome.google.com/webstore/detail/tabcarousel/ddldimidiliclngjipajmjjiakhbcohn?hl=it

avvio automatico

Il nostro sistema è pronto, ora dobbiamo solo scrivere un ultimo script, che renderà il nostro chiosco, pronto e in funzione non appena avremo eseguito il login sul nostro Raspberry. Ovviamente, per rendere il tutto più fluido e senza interruzioni, abbiamo impostato l’autologin, in maniera molto semplice: da ssh, ci basta inserire il comando “sudo raspi-config”, quindi selezionare la voce “boot options”, quindi la voce “desktop/CLI”, e infine la voce “Desktop Autologin”. Ora ci basterà uscire dallo script e avremo l’autologin abilitato.

Torniamo al nostro script, e per rendere le operazioni di scrittura più veloci, apriamo un terminale e digitiamo il comando: “sudo nano /etc/xdg/autostart/ChromiumPanel.desktop”, e premiamo invio. Verrà aperto un file, nel quale dovremo inserire questi comandi:

[Desktop Entry]
Version=1.0
Type=Application
Name=ChromiumPanel
Exec=/home/mecdata/Scripts/start.sh

Una volta inseriti i comandi nel file, premete ctrl+x, digitate y e premete invio. Il file verrà salvato automaticamente e verrà eseguito ogni volta non appena verrà eseguito il login, in questo caso, automaticamente.

Ruotare lo schermo

Vedi : https://www.raffaelechiatto.com/ruotare-lo-schermo-con-il-raspberry/?fbclid=IwAR0O7r8eT7wGJquTZqdMvmtBGUeh3T3MDIlZTJt44KE65O_bdZeXVg-D_O0