Posted on

Problemi delle caselle email molto grandi

La posta elettronica è cambiata molto negli anni: da semplice mezzo di comunicazione è diventato il nostro “contenitore” preferito di informazioni. Conserviamo tutto nella nostra cassetta postale: comunicazioni, contratti ordini, fatture, etc. Queste informazioni devono sempre essere accessibili ovunque noi siamo: non possiamo più vederle solo dalla nostra postazione di lavoro ma anche attraverso il nostro smartphone.

Le aziende e gli utenti chiedono ai Provider caselle email di dimensioni sempre maggiori. In azienda l’email è e rimane il principale mezzo sia di comunicazione ma, oggi, anche il principale strumento per archiviare i file. Conserviamo tutte le email che riceviamo con allegati di qualsiasi dimensione; conserviamo anche tutte le email che inviamo anche se contengono allegati che abbiamo prelevato dal nostro stesso computer.

Il motivo è che inviare un file via email è semplice, veloce e comodo, inoltre quel file rimarrà per sempre nella casella dell’utente, che così potrà averlo sempre a portata di mano. Sarebbe stato meglio spostare il file su un server di rete o utilizzare in azienda servizi di cloud storage , ma l’email rimane il metodo più immediato.

L’altro motivo per cui le email crescono sempre è che gli utenti non sentono il bisogno di fare spazio nella propria casella email, magari cancellando i messaggi che non servono più o semplicemente svuotando il cestino.

Ma quali sono i problemi di una caselle email di grandi dimensioni?

Il primo sono i tempi di avvio del proprio programma per leggere le email, ad esempio Microsoft Outlook diventa sempre più lento man mano che la caselle email diventa più grande.

Un altro problema è che non tutti i fornitori di web e email hosting forniscono caselle email di grandi dimensioni, molti non vanno oltre pochi GB di spazio per casella email.

Inoltre una casella email di grandi dimensioni diventa onerosa da gestire anche lato server il che la rende lenta nell’accesso e nelle ricerche.

Quali sono invece i limiti di dimensione che una casella email può raggiungere?

La documentazione ufficiale di Microsoft Outlook dichiara che le prestazioni di Outlook iniziano a peggiorare non appena il file di archivio delle email OST supera i 10GB. Superato i 25GB i problemi di lentezza e blocchi di Outlook aumentano.

Arrivati a 50GB Outlook smette di funzionare in quanto questa è la dimensione massima che può raggiungere un file PST, ed è necessario eseguire delle operazioni di manutenzione, con conseguente fermo del lavoro dell’utente.

Lato server, ovvero per il fornitore del servizio di email hosting, non ci sono limiti veri e propri di dimensione ad una casella email, ma potrebbero esserci dei problemi nell’indicizzazione e nell’archiviazione di caselle email molto grandi.

il nostro servizio di gestione email

Mecdata in collaborazione con il partner Qboxmail offre un servizio di gestione email professionale:

  • Casette postali di diverse dimensioni/costi per rispondere a qualsiasi esigenza : 4GB, 8GB, 25GB, 50GB
  • Cassetta postale sempre aggiornata e uguale in ogni istante su ogni vostro dispositivo : computer, notebook, tablet, smartphone
  • Webmail, sviluppata ed ottimizzata per gestire caselle di grandi dimensioni

Sei interessato ? CHIAMACI ALLO 051.790428 OPPURE SCRIVI A info@mecdata.it

Posted on

Aprire file .pst con Outlook

Se avete un file .pst di una vecchia versione di outlook potete velocemente visualizzarlo con Outlook 365.

Andate su “File” in alto a sinistra. Cliccate su “Apri ed Esporta” sul menu a sinistra e quindi su “Apri file di dati di Outlook” più a destra. Si aprirà la finestra di esplorazione del computer; cercate il vostro file .pst e cliccate su “Ok”. La cartella del file pst comparirà subito nel vostro Outlook.

Ricerca nell’archivio email

Per cercare una particolare email in questo archivio, potete usare la cartella ricerca in alto a destra, avendo l’accortezza di selezionare come spazio di ricerca “sottocartelle”: outlook cercherà su tutto l’archivio.

Posted on

Aprire i file pdf.p7m online

Hai ricevuto un file con estensione p7m e non sai come fare leggerlo? I file p7m sono dei documenti su cui è stata apposta la firma elettronica.

Per aprirli, invece di scaricare ed installare dei software puoi utilizzare il servizio online gratuito di PosteCert

Scegli il file. Ci metterà un po’ a caricarlo se è grande.

Ti compare in basso un pulsante con “verifica firma”. Lo spingi

Compare una nuova schermata.In basso c’è download del file. è il tuo file leggibile

Buon Lavoro

Posted on

Mail server dedicato

La posta elettronica è cambiata molto negli anni: da semplice mezzo di comunicazione è diventato il nostro “contenitore” preferito di informazioni. Conserviamo tutto nella nostra cassetta postale: comunicazioni, contratti ordini, fatture, etc.

Queste informazioni devono sempre essere accessibili ovunque noi siamo: non possiamo più vederle solo dalla nostra postazione di lavoro ma anche attraverso il nostro smartphone.

La Mecdata propone l’uso di un mail server esterno sempre aggiornato per risolvere i vostri problemi di comunicazione aziendale. Un mail server proposto con la formula “pay per use” : paghi solo le caselle email che attivi; gli alias sono gratuiti. Non dovrete preoccuparvi della gestione del server fisico o dell’aggiornamento dell’antispam o dei nuovi protocolli di comunicazione.

  • Dimensione cassetta postale : 8gb
  • Controllo dimensione cassetta postale autonomo : Lo spazio utilizzato può essere controllato in tempo reale dall’utente tramite la Webmail, oppure tramite il proprio client email configurato con IMAP (se supporta la visualizzazione della quota, come ad esempio Thunderbird).
  • Accesso : imap, pop3, webmail
  • SMTP dedicato
  • Alias illimitati gratuiti
  • Calendario condiviso : calendario condivisibile con tutti i software che supportano il protocollo caldav (es ios).
  • Antivirus e Antispam
  • Gestione autonoma e semplice dei messaggi personali : “sarò in ferie da…”
  • Costo : 2,13 euro / mese per account  – Contattateci per un preventivo personalizzato all’indirizzo info@mecdata.it oppure al numero 051-790428
Posted on

Move DNN Site To Another Windows Server and To Another Domain Name

To migrate a DotNetNuke site to another windows server you need to move both the database and the site to the new server.

You need to update your web.config file so that the database connection string points to your new database.

There are two tags on database connection. You have two look on these tags :

<connectionStrings> 
<appSettings>

Migrate to another domain name

Perhaps you also want to change the name of the site: for example, your installation of DNN is made for the site www.mysite.com but you want to move everything to blog.mysite.com.

You have to go to the DNN database and edit the table PortalAlias
(right click on PortalAlias then click “Edit Rows”).
You must add a new line in the table with the value of the new site name.
Click on the last row. Leave the first column default.
Second column is your portal number (default is 0).
In the third column enter your temporary URL ( blog.mysite.com).
Set the last column value of the new row as “True” and change the other to “False”.

After this, very important, you have to go to IIS, in the Application Pool section, right click on the application pool of your site and click on “Recycle”.

Posted on

Windows xp and Windows 10

To see the resources of a Windows XP from Windows 10, both must be in the same workgroup and in the Windows 10 computer it is necessary:

Press Windows key + R
Type: optionalfeatures.exe
Hit Enter

Scroll down to SMB 1.0/CIFS File Sharing Support
Tick the SMB 1.0/CIFS Client
Untick SMB 1.0/CIFS Automatic Removal and
Untick SMB 1.0/CIFS Server

Posted on

Control Panel tools by command

To run a Control Panel tool in Windows, type the appropriate command in the Open box or at a command prompt.

Add New Hardware control  add new hardware sysdm.cpl
Add/Remove Programs control appwiz.cpl
Date/Time Properties control timedate.cpl
Display Properties control desk.cpl
Internet Properties control inetcpl.cpl
Keyboard Properties control main.cpl
Microsoft Exchange control mlcfg32.cpl
Mouse Properties control main.cpl
Multimedia Properties control mmsys.cpl
Network Properties control netcpl.cpl or ncpa.cpl,
PC Card control pc card (PCMCIA) main.cpl
Regional Settings control intl.cpl
Sound Properties control  sounds mmsys.cpl
System Properties control sysdm.cpl
Posted on

“run as administrator” does not work

You are using a Windows machine with a non-administrator user and you need to install a program. you select “Run As Administrator” and the form for entering credentials is not displayed. This happens because you have disabled the UAC (User Account Control).

I advise you : never to deactivate it because it is a component that takes care of the security of your system; practically, it’s the component that takes care of asking you for confirmation when you’re performing some special operation on your computer.

How to reactivate it?

  1. Disconnect this account and reconnect with an administrator user.
  2. Select “Change user account and control settings”
  3. In the “User Account Control Settings” window, drag the slider from bottom (disabled) to second level
  4. Reboot your computer for the change to take effect.