Posted on

L’importanza del BACKUP

PERCHE’ SERVE IL BACKUP

Nella vita privata e nelle aziende generiamo continuamente informazioni: una foto, una fattura, un disegno, un messaggio, una password, una configurazione. L’importanza di una informazione è proporzionale all’impatto che ha su di noi la sua perdita. In generale tutte le informazioni che abbiamo memorizzato sui nostri dispositivi sono più o meno importanti: se l’informazione non fosse importante l’avremmo eliminata. La perdita di una informazione importante ci crea un danno affettivo o economico. La criticità di una informazione importante è proporzionale al tempo necessario per ricostruire questa informazione: questo tempo può essere infinito, cioè può essere impossibile ricostruire l’informazione.

Perché perdiamo i dati?

  1. I dispositivi su cui memorizziamo le informazioni
    1. si rompono
    2. ci vengono sottratti (furto)
    3. vengono distrutti (incendio)
  2. Noi cancelliamo o Modifichiamo le informazioni.
  3. Le informazioni vengono manomesse volutamente da esterni (cryptovirus)

L’unico rimedio al rischio di perdita delle informazioni è fare il backup, cioè una copia delle stesse informazioni. Tale pratica è ancora poco frequente sia nelle aziende sia nella vita privata, tanto che la maggior parte di noi spesso decide di fare il backup solo dopo il primo episodio di perdita di informazioni. La frequenza del backup è proporzionale alla frequenza delle modifiche che vengono apportate alle informazioni

IL PRODOTTO

Il sistema di backup proposto dalla Mecdata si basa su un sistema NAS collegato alla rete. In pratica, un NAS è un dispositivo composto da un disco e da una scheda di rete. Sui diversi client vengono montati software che eseguono la copia dei dati prescelti sul NAS. Con questa sistema si realizza la Duplicazione di Dati.

Il NAS proposto dalla Mecdata è composto da 2 dischi che copiano i dati uno sull’altro : nella pratica esistono sul NAS due copie dei dati, prevenendo in questo modo problemi dovuti ad un guasto su un disco. Ridondanza dei dispositivi di backup.

 

 

Se i dischi dei NAS vengono scelti con la giusta capienza il backup automatico può essere differenziato in base alla giornata: potreste copiare i dati, i giorni pari su una cartella del NAS e nei giorni dispari su un’altra cartella; potreste avere una copia al giorno. In questo modo avrete almeno una doppia copia dei dati e vi sarete posti in una condizione di sicurezza rispetto alle modifiche che fate Voi sui dati : modificate un file e avete l’esigenza di recuperare una versione precedente.

 

Se ne avete la possibilità, vi consigliamo di sistemare il NAS in una parte dell’edificio “lontana” dai vostri computer e possibilmente nascosta: questa accortezza potrebbe salvaguardare le vostre informazioni in caso di furto o di distruzione. Separazione dei dati dalla sorgente.

Naturalmente il punto più lontano in cui salvare una copia dei dati è “fuori dall’edificio”. I NAS proposti da Mecdata vi consentono di copiare i dati all’esterno, in Cloud. Ecco quindi realizzata una ulteriore sicurezza in genere presente solo in realtà che dispongono di server. Cloud.

I COSTI DI IMPLEMENTAZIONE

I costi per creare un sistema di backup, non sono significativi rispetto ai benefici. Ecco la lista della spesa :

  • I sistemi NAS costano circa 200 euro. Date un’occhiata al nostro catalogo 
  • Sul NAS è necessario montare 2 hard disk, 200 euro. Date un’occhiata al nostro catalogo 
  • Un Cloud costa meno di 100 euro all’anno.
  • Qualche ora di lavoro per installare e configurare il tutto.
Posted on Lascia un commento

Quali sistemi operativi sono supportati dal Backup di Azure?

azure backup

Sistema operativo Piattaforma VERSIONE
Windows 8 64 bit Enterprise, Pro
Windows 7 64 bit Ultimate, Enterprise, Professional, Home Premium, Home Basic, Starter
Windows 8.1 64 bit Enterprise, Pro
Windows 10 64 bit Enterprise, Pro, Home
Windows Server 2016 64 bit Standard, Datacenter, Essentials
Windows Server 2012 R2 64 bit Standard, Datacenter, Foundation, Essential
Windows Server 2012 64 bit Datacenter, Foundation, Standard
Windows Storage Server 2016 64 bit Standard, Workgroup
Windows Storage Server 2012 R2 64 bit Standard, Workgroup
Windows Storage Server 2012 64 bit Standard, Workgroup
Windows Server 2008 R2 SP1, 64 bit Standard, Enterprise, Datacenter, Foundation
Windows Server 2008 SP2 64 bit Standard, Enterprise, Datacenter, Foundation

Fonte Microsoft

Posted on Lascia un commento

Backup di windows su Azure

Entrare nel portale di Azure ed aggiungere la risorsa

Recovery Services vaults

Una volta creato il nuvo vault, selezionatelo. Vi compare la lista delle sue proprietà : andate nel pannello GESTIONE (è in basso)

“Infrastruttura di Backup” –  “Configurazione di Backup”,

per scegliere il tipo di replica del backup. A default, il vault è stato creato con una “replica geografica” che costa di più. Se siete sicuri delle macchine Microsoft potete selezionare anche “replica locale”

Nella lista delle proprietà, andate nel pannello “ATTIVITA’ INIZIALI” e quindi Backup. Cominciamo ad aggiungere il nostro Backup.

Posizione di esecuzione del carico di lavoro : Locale

Elementi di cui eseguire il backup : File e Cartelle

Scaricare sul server locale il programma di collegamento di azure ed il certificato. I programmi sono di 2 tipi, uno per Windows server e Windows client, un altro per Windows server essential.

Sul server locale, lanciare il programma scaricato ed eseguire le istruzioni. Lanciare il programma di Azure backup ed eseguire le istruzioni.


Documentazione :