Posted on

How to check the execution of Microsoft Agent Backup

To check the outcome of Microsoft Azure Backup execution we can take advantage of the fact that, if the backup fails, some events are generated.

Prepare script to send email

Copy and paste the following code in a new file and modify it with your data (mail server, user, password, messages).

$SMTPServer = "YOUR SMTP SERVER"
$SMTPPort = "25"
$Username = "USERNAME TO ACCESS SERVER"
$Password = "PASSWORD"

$to = "Email recipient"
# $cc = "cc email recipient"
$subject = "Error Backup MyServer"
$body = "backup failed"
# $attachment = ""

$message = New-Object System.Net.Mail.MailMessage
$message.subject = $subject
$message.body = $body
$message.to.add($to)
# $message.cc.add($cc)
$message.from = $username
# $message.attachments.add($attachment)

$smtp = New-Object System.Net.Mail.SmtpClient($SMTPServer, $SMTPPort);
$smtp.EnableSSL = $true
$smtp.Credentials = New-Object System.Net.NetworkCredential($Username, $Password);
$smtp.send($message)
write-host "Mail Sent"

Save it as file with extension .ps1

Creating a new Task

  1. Open the Task Scheduler : Control Panel -> Administrative Tools -> Task Scheduler
  2. Right-click the “Task Scheduler Library” branch, and select the New Folder option.
  3. Type a name for the folder. For example, MyTasks.
  4. Expand the “Task Scheduler Library” branch, and select the MyTasks folder.
  5. Click the Action menu.
  6. Select the Create Task option.

Task to check Azure Backup

  1. In the Name field you can write something like “Check Micrososft Agent Backup”.
  2. Click the Triggers tab.
  3. Click the New button.
  4. Use the “Begin the task” drop-down menu to select “On a Event”
  5. Click custom option under the Settings section.

  1. Click the Edit Event Filter… button.
  2. Go the XML tab and at the bottom of the menu press the edit query manually button.
  3. Copy and paste the below XML and OK the changes.
<QueryList>
<Query Id="0" Path="CloudBackup">
<Select Path="CloudBackup">*[System[(Level=1 or Level=2) and (EventID=5 or EventID=10 or EventID=11 or EventID=12 or EventID=13 or EventID=14 or EventID=16 or EventID=18)]]</Select>
</Query>
</QueryList>
  1. Click the Actions tab.
  2. Click the New button.
  3. Browse on the previous powershel script
  4. Clicck OK to save the task

From now on, an email should be sent to you when the backup fails.

Posted on

Ghetto backup for all (part 1)

Why to use Ghetto ?

There are a lot of backup softwares for vmware virtual machine and some are free, but in a scenario it should not be possible to use one of these : for example, if you have vmware esx hosts with old versions (4.0,5.5).

Prepare connection to esx host  via SSH

Usually you get connection to esx host using vsphere client, but you have to use ghetto script directly inside esx operating system. So you need to operate using a prompt via ssh. Download, for example, putty : https://www.putty.org/

Install putty.

SSH port in esx host is number 22. To understand if this port is open, you could open a dos prompt and type

telnet your_esx_ip_address 22

you should recive some response.

Enable SSH on the ESX Host

By default SSH is disabled on an ESXi host.

  1. Open and login to the vSphere Client
  2. Click on the configuration tab and then on Security profile
  3. Click on Properties and Remote Tech Support (SSH)
  4. Click on Options and choose the startup policy.

ESX user for SSH

To connect to esx host via putty you need to create a user on esx. Open vsphere client.

  1. Log in to the vSphere Client as a root user.
  2. Click Users & Groups.
  3. Right-click on a blank area and click Add.
  4. Enter a username and password. Confirm your password.
  5. Select Grant shell access to this user.
  6. Select root group from the dropdown and click Add > OK.

 

How to upload script on esx

Ghetto script is a file and you will have to upload on esx server this file. To do this task we”l use for example WinSCP that is a free and open-source file transfer utility for Windows. It can be used to transfer files between a local and remote machine over SSH. You can download it from here : https://winscp.net/eng/download.php

Install it. Now you have all tools and we can start to work on Ghetto.

Ghetto script

First of all you need to download ghetto from github repository : https://github.com/lamw/ghettoVCB   

Unzip it. Open with an editor the file ghettoVCB.sh. You have to update only one line of script :

VM_BACKUP_VOLUME=/vmfs/volumes/mini-local-datastore-hdd/backups

That you have to substitute with the path of the datastore where you’ll save the backup of vm.

Two options to find the datastore path :

  1. Via vsphere client : you have to find the list of datastores. Using datastore’s name the path will be : /vmfs/volumes/DATASTORENAME
  2. Usng Putty connection : go in vmfs folder, volumes folder.

Prepare virtual machine list

If you ‘ll call ghetto script , you’ll backup all machines in your esx. Instead you can backup only some specific virtual machine. Create a new file, for example mylist.txt with the esactly name of each virtual machine to backup, in each line.

Upload Files to Esx

So you have two files (ghettoVCB.sh, mylist.txt) to upload in esx environment. To do this you can use WinSCP. When the Login dialog pops up click on New Site, enter the IP address in the hostname field, the username and password and then click Login.

WinSCP window is divided in two part : on the left side there is your computer, on the right side there is the esx environment. On esx, create a new folder and upload in it the two files.

Prepare ghetto script to execute

Double click on the PuTTY shortcut , enter the IP address of the ESX  and click Open. Enter the username and your password and you should now be connected.

To continue you need to have administrator (root) priviliges. Write

su -

and enter the password of root user.

Now you need to give execution privileges to .sh file. Navigate in the folder where you have put your files and write the command

chmod +x ghettoVCB.sh

Run the script

Write the command :

./ghettoVCB.sh -f mylist.txt -l output.txt

This command will backup all the virtual machines written in mylist.txt and will write the log of process in the file output.txt in the same folder.

Posted on

prerequisites to install veeam backup and replication

To install Veem Backup and Replication on Windows 2012 server, you need :

  1. Sql server 2014 Exprees
  2. Net Framework 3.5 (install it directly from your windows server). Necessary for Sql server Managment Studio 2014
  3. Sql server managment studio 2014
  4. From Microsoft® SQL Server® 2014 Feature Pack (https://www.microsoft.com/en-us/download/details.aspx?id=42295), you have to download and install
    1. SQLSysClrTypes.msi
    2. SharedManagementObjects.msi
  5. MICROSOFT® REPORT VIEWER 2015 RUNTIME
  6. Windows 10 Universal C Runtime

 

Posted on

Teams Vs Coronavirus

Microsoft Teams

Ricordiamo ai nostri clienti (e altri) che molto probabilmente nel vostro abbonamento office 365 è incluso Teams, strumento per poter fare riunioni a distanza, proprio come Skype. Contattateci per una verifica o per recuperare username e password.

 

Smartworking / Telelavoro

In questa situazione difficile, proviamo a spostare qualche attività in remoto.

Possiamo attivare una vpn per farvi accedere alla rete aziendale.

Possiamo trasferire database, server applicativi e gestionali su un’infrastruttura Cloud.

Possiamo offrire piattaforme di condivisione di file.

Possiamo attivare le migliori soluzioni di backup in cloud per non rischiare di perdere nessun dato.

 


Tel: 051.790428 – email : info@mecdata.it

Posted on

L’importanza del BACKUP

PERCHE’ SERVE IL BACKUP

Nella vita privata e nelle aziende generiamo continuamente informazioni: una foto, una fattura, un disegno, un messaggio, una password, una configurazione. L’importanza di una informazione è proporzionale all’impatto che ha su di noi la sua perdita. In generale tutte le informazioni che abbiamo memorizzato sui nostri dispositivi sono più o meno importanti: se l’informazione non fosse importante l’avremmo eliminata. La perdita di una informazione importante ci crea un danno affettivo o economico. La criticità di una informazione importante è proporzionale al tempo necessario per ricostruire questa informazione: questo tempo può essere infinito, cioè può essere impossibile ricostruire l’informazione.

Perché perdiamo i dati?

  1. I dispositivi su cui memorizziamo le informazioni
    1. si rompono
    2. ci vengono sottratti (furto)
    3. vengono distrutti (incendio)
  2. Noi cancelliamo o Modifichiamo le informazioni.
  3. Le informazioni vengono manomesse volutamente da esterni (cryptovirus)

L’unico rimedio al rischio di perdita delle informazioni è fare il backup, cioè una copia delle stesse informazioni. Tale pratica è ancora poco frequente sia nelle aziende sia nella vita privata, tanto che la maggior parte di noi spesso decide di fare il backup solo dopo il primo episodio di perdita di informazioni. La frequenza del backup è proporzionale alla frequenza delle modifiche che vengono apportate alle informazioni

IL PRODOTTO

Il sistema di backup proposto dalla Mecdata si basa su un sistema NAS collegato alla rete. In pratica, un NAS è un dispositivo composto da un disco e da una scheda di rete. Sui diversi client vengono montati software che eseguono la copia dei dati prescelti sul NAS. Con questa sistema si realizza la Duplicazione di Dati.

Il NAS proposto dalla Mecdata è composto da 2 dischi che copiano i dati uno sull’altro : nella pratica esistono sul NAS due copie dei dati, prevenendo in questo modo problemi dovuti ad un guasto su un disco. Ridondanza dei dispositivi di backup.

 

 

Se i dischi dei NAS vengono scelti con la giusta capienza il backup automatico può essere differenziato in base alla giornata: potreste copiare i dati, i giorni pari su una cartella del NAS e nei giorni dispari su un’altra cartella; potreste avere una copia al giorno. In questo modo avrete almeno una doppia copia dei dati e vi sarete posti in una condizione di sicurezza rispetto alle modifiche che fate Voi sui dati : modificate un file e avete l’esigenza di recuperare una versione precedente.

 

Se ne avete la possibilità, vi consigliamo di sistemare il NAS in una parte dell’edificio “lontana” dai vostri computer e possibilmente nascosta: questa accortezza potrebbe salvaguardare le vostre informazioni in caso di furto o di distruzione. Separazione dei dati dalla sorgente.

Naturalmente il punto più lontano in cui salvare una copia dei dati è “fuori dall’edificio”. I NAS proposti da Mecdata vi consentono di copiare i dati all’esterno, in Cloud. Ecco quindi realizzata una ulteriore sicurezza in genere presente solo in realtà che dispongono di server. Cloud.

I COSTI DI IMPLEMENTAZIONE

I costi per creare un sistema di backup, non sono significativi rispetto ai benefici. Ecco la lista della spesa :

  • I sistemi NAS costano circa 200 euro. Date un’occhiata al nostro catalogo 
  • Sul NAS è necessario montare 2 hard disk, 200 euro. Date un’occhiata al nostro catalogo 
  • Un Cloud costa circa 100 euro all’anno.
  • Qualche ora di lavoro per installare e configurare il tutto.
Posted on Lascia un commento

Quali sistemi operativi sono supportati dal Backup di Azure?

azure backup

Sistema operativo Piattaforma VERSIONE
Windows 8 64 bit Enterprise, Pro
Windows 7 64 bit Ultimate, Enterprise, Professional, Home Premium, Home Basic, Starter
Windows 8.1 64 bit Enterprise, Pro
Windows 10 64 bit Enterprise, Pro, Home
Windows Server 2016 64 bit Standard, Datacenter, Essentials
Windows Server 2012 R2 64 bit Standard, Datacenter, Foundation, Essential
Windows Server 2012 64 bit Datacenter, Foundation, Standard
Windows Storage Server 2016 64 bit Standard, Workgroup
Windows Storage Server 2012 R2 64 bit Standard, Workgroup
Windows Storage Server 2012 64 bit Standard, Workgroup
Windows Server 2008 R2 SP1, 64 bit Standard, Enterprise, Datacenter, Foundation
Windows Server 2008 SP2 64 bit Standard, Enterprise, Datacenter, Foundation

Fonte Microsoft

Posted on Lascia un commento

Backup di windows su Azure

Entrare nel portale di Azure ed aggiungere la risorsa

Recovery Services vaults

Una volta creato il nuvo vault, selezionatelo. Vi compare la lista delle sue proprietà : andate nel pannello GESTIONE (è in basso)

“Infrastruttura di Backup” –  “Configurazione di Backup”,

per scegliere il tipo di replica del backup. A default, il vault è stato creato con una “replica geografica” che costa di più. Se siete sicuri delle macchine Microsoft potete selezionare anche “replica locale”

Nella lista delle proprietà, andate nel pannello “ATTIVITA’ INIZIALI” e quindi Backup. Cominciamo ad aggiungere il nostro Backup.

Posizione di esecuzione del carico di lavoro : Locale

Elementi di cui eseguire il backup : File e Cartelle

Scaricare sul server locale il programma di collegamento di azure ed il certificato. I programmi sono di 2 tipi, uno per Windows server e Windows client, un altro per Windows server essential.

Sul server locale, lanciare il programma scaricato ed eseguire le istruzioni. Lanciare il programma di Azure backup ed eseguire le istruzioni.


Documentazione :