Posted on

Proxy Server Web – Noleggio e vendita.

Un sistema di Web proxy cache completo per la tua rete.

Un proxy server è un server che si incarica di caricare le pagine web da internet e le copia localmente. Tutto questo in modo trasparente rispetto alla normale navigazione web.

Per la rete lan può essere fondamentale visto che gli utenti non accedono direttamente ad internet ma prima al server proxy. In questo modo se una pagina è già stata visitata da un utente la velocità navigazione aumenta notevolmente e diminusce il cosumo di banda.

Inoltre un proxy server web può gestire anche gli accessi a determinati siti web bloccandone permettendone l’accesso, tutto questo anche ad orari prestabiliti (esempio si può lasciare libero l’accesso a siti prestabiliti solamente nelle ore di pausa pranzo), aumentando così la sicurezza della navigazione all’interno della propria rete.

Come avviene il collegamento con un server proxy?

La propria rete composta da computer fissi, mobili, tablet e smartphone.
Questi dispositivi, detti client, si collegano in maniera del tutto trasparente per gli utenti e senza bisogno di ulteriori configurazioni al Server Proxy

Il Server Proxy prende in carico tutte le richieste dei client. Restituisce una risposta come sopra descritto. A sua volta il Server Proxy si collega con la rete esterna, internet

Rete esterna – Internet

 Tutta la rete globale del World Wide Web

Un elenco delle principali funzionalità del nostro Proxy Server Web

  • Cache: gestione della chace di navigazione degli utenti
  • Privacy: garantire privacy verso i contenuti vistati, controllo e file di log delle attività in rete
  • Blocco siti web: possibilità di bloccare siti web, anche ad orari prestabiliti
  • Velocità: una migliore e più efficente velocità di navigazione grazie alla gestione della cache locale, senza dover scaricare nuovamente da internet elementi già presenti sul Proxy Server Web
  • Sicurezza: il Proxy Server Web è un filtro tra la propria rete di client ed internet.
  • Trasparenza: per gli utenti ed i client il processo di instradamento delle richieste internet è del tutto trasparente e non c’è bisogno di alcuna configurazione sui device di navigazione

 Per ulteriori informazioni non esitate a contattarci.

Posted on

Mail server dedicato

La posta elettronica è cambiata molto negli anni: da semplice mezzo di comunicazione è diventato il nostro “contenitore” preferito di informazioni. Conserviamo tutto nella nostra cassetta postale: comunicazioni, contratti ordini, fatture, etc.

Queste informazioni devono sempre essere accessibili ovunque noi siamo: non possiamo più vederle solo dalla nostra postazione di lavoro ma anche attraverso il nostro smartphone.

La Mecdata propone l’uso di un mail server esterno sempre aggiornato per risolvere i vostri problemi di comunicazione aziendale. Un mail server proposto con la formula “pay per use” : paghi solo le caselle email che attivi; gli alias sono gratuiti. Non dovrete preoccuparvi della gestione del server fisico o dell’aggiornamento dell’antispam o dei nuovi protocolli di comunicazione.

  • Dimensione cassetta postale : 8gb
  • Controllo dimensione cassetta postale autonomo : Lo spazio utilizzato può essere controllato in tempo reale dall’utente tramite la Webmail, oppure tramite il proprio client email configurato con IMAP (se supporta la visualizzazione della quota, come ad esempio Thunderbird).
  • Accesso : imap, pop3, webmail
  • SMTP dedicato
  • Alias illimitati gratuiti
  • Calendario condiviso : calendario condivisibile con tutti i software che supportano il protocollo caldav (es ios).
  • Antivirus e Antispam
  • Gestione autonoma e semplice dei messaggi personali : “sarò in ferie da…”
  • Costo : 2,13 euro / mese per account  – Contattateci per un preventivo personalizzato all’indirizzo info@mecdata.it oppure al numero 051-790428
Posted on Lascia un commento

Attaccati dallo Zepto Locker Virus

Stamani un nostro cliente ci ha chiamati segnalando una sequenza di anomalie nel suo computer. Immediatamente gli abbiamo intimato di spegnere il computer “brutalmente”.

Il computer è stato infettato dal virus Zepto. L’infezione è partita alle 11.40 e si è conclusa alle 12.00 nel momento in cui l’utente ha spento. In questo lasso di tempo il virus ha criptato decine di migliaia di file nel computer ospite e in giro per la rete aziendale.

Il virus ha creato una copia di ciascun file su cui poteva agire in scrittura secondo i permessi dell’utente la cui sessione è stata infettata. Terminata la copia di tutta la cartella, ha cancellato il file originale. Il virus sembra agire in multitasking perché i tempi di creazione dei file criptati sono gli stessi su diverse cartelle. Il risultato dell’azione ha portato alla cancellazione dei file sul computer dell’utente mentre sulle cartelle di rete nessun file è stato cancellato. Tutto questo potrebbe indicarci la struttura dell’algoritmo. Ecco di seguito la nostra ipotesi :

kryptolocker1.png

Effetti del virus

Il virus ha compromesso irrimediabilmente l’ambiente dell’utente sul computer attaccato. L’ambiente è stato ripristinato tramite un utente locale con permessi amministrativi con il veloce recupero delle impostazioni di active directory. L’utente non ha perso alcun file perché avevamo attivato la remotizzazione della cartella documenti : la cartella documenti è quindi ospitata su server e sincronizzata solo su determinati eventi. La posta è stata immediatamente ripristinata perché è stato utilizzato il nostro servizio IMAP. dedicato. Come abbiamo anticipato il virus non ha avuto il tempo di cancellare i file condivisi su server, lasciandoci solo una gran sporcizia (i nuovi file criptati) eliminata in fretta. Comunque, se fosse riuscito ad agire, immaginate una attacco nel weekend, i dati aziendali non sarebbero stati compromessi perché è sempre attivo un backup remoto con il nostro Cloud.

Questa esperienza conferma i nostri consigli contro i crypto virus:

  1. Il fattore temporale risulta quindi determinante per arginare il problema, almeno sulla rete : meglio spegnere a caldo il computer in maniera non corretta rischiando uno sbalzo repentino di tensione a qualche componente elettronico, piuttosto che avere una perdita di dati.
  2. Il virus agisce sul computer attaccato solo sull’utente infettato. Il nostro consiglio è banalmente quello di avere su ciascun computer un utente locale amministratore non usato da alcuno. Questo utente potrà ripristinare il computer. Ragionare bene sui permessi che si concedono agli utenti.
  3. Le cartelle di rete sui server devono essere condivise solo con gli utenti strettamente necessari e solo con permessi strettamente necessari. Usate le Group policy di active directory per eseguire questa procedura in modo agevole.
  4. Dovete sempre avere un backup non in linea dei vostri dati su nastro o su Cloud. Ricordate che inserire i dati sulle cartelle condivise con i più noti programmi di cloud storage per utente non serve : essi generano una cartella sui vostri devices uguale a qualsiasi altra cartella.
  5. Gli antivirus non sono sempre efficaci contro i cryptovirus. Esistono programmi che rivelano l’azione del virus durante l’attacco. Comunque sia, tutti questi programmi possono essere installati  solo su un sistema operativo aggiornato. Il nostro utente usava un computer con Windows Xp e quindi non aveva potuto installare il nostro software free Mecdata Dawn Of Justice , con cui si sarebbe potuto accorgere dell’infezione 10 secondi dopo la prima cancellazione.